#Penetralia #day68 #poesia

come Demetra io

vorrei digiunare per nove notti
per raccontarti all’orecchio
che non ho niente più da dirti
quant’è salato un frutto
quando dentro
cela un’evocazione vivida
di un ricordo arso dal tempo

attraverso l’appetito
credo di arrivare alle spalline
della tua voce incantata
quel che vedo è l’irreale
un terrazzo sopra il compimento
il mio Yom Kippur è un bacio
la benda che cade al soffitto
il pavimento che penzola sul mio capo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...