#Penetralia #day48

tu sarai per me
il mio cledonomante
inseparabili come l’aspiratore scaltro
e il respiratore attento
come un’orchessa nei miei incubi
un’orchestra nei miei sogni
un gemellaggio onirico che avviene
ogni volta che ti immagino accanto

ma tu ami il regno del reale
la spaziatura abitabile dal concreto
le scadenze di rifiniture oggettive
e dimentichi
quant’è castrante vedere in un soffitto
un ammasso di legno, o mettallo, o acciaio
e non un cielo stellato, notturno Amazzonia
quando distesi scalzi in mezzo a un desiderio
si abbraccia caldo il proprio esotismo
si aggancia tenero l’esoterismo

vedo il tuo sorriso e mi sciolgo
come gettato inerme
nella botte delle Danaidi
mi rigetti dentro per inerzia
divertito dalla mia tenacia
non è così
che solitamente dispongo
gli accenti sopra il cuore

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...