#Penetralia #day44

i tuoi occhi insinceri
le paranoie sgradite
quei pugni sulla testa
a contatto con il cuore
i calci sotto il tavolo
i silenzi a lunga conservazione
la voglia sottaciuta a lungo
il desiderio irrealizzato
di saperti morto

invece tu
eri sempre in un’altra stanza
e io nel casellario dell’anima
a rintanarmi in un’emozione
sputata su un foglio strappato
a radermi la voce
per non farmi mai scoprire
la poesia non interessa a nessuno
dicevo al vento in fuga
bada sempre che interessi a te
rispondeva al ritorno

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...