Non possiedo

 

Le qualità che non possiedo
Sono i cristalli sopra gli occhi
Un veicolo sprizzante tra gli astri
Una casa arroventata da uno sguardo
Quello che non mi hai rivolto

E così risolvo le giornate
Tra un sospiro appeso alle caviglie
E qualche ghigno fuori dal balcone
Mentre le braccia tue come gechi
Risalgono le mura della schiena
Le rapide indiscusse del mio colore
Per saltarmi in pasto e banchettare

Io non conosco questo suono
Questo pastello a cera nelle tempie
Quest’idioma di saliva assorta
A pensare a un domani
che ho rimandato anche oggi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...